Corna di Isnello dolce di Capodanno siciliano

La Pasticceria Zuccherino ha portato a Milano i dolci tipici della Sicilia. In questi anni abbiamo aiutato i milanesi a scoprire specialità come il buccellato, la caratteristica ciambella natalizia siciliana, e la brioscia col tuppo, un dolce del mattino squisito con il gelato e la panna.

Chi vuole un dessert originale per un compleanno o per il giorno di Pasqua troverà nella pasticceria siciliana un grande assortimento di paste e torte adatte ad ogni festa o ricorrenza dell’anno.

Qui vi presentiamo la storia e la ricetta delle corna di Isnello, un dolce tradizionale di capodanno nato in questo paese delle Madonie in provincia di Palermo.

Le origini delle corna di Isnello e la tradizione della Nunna Vecchia

La storia di questo dolce preparato in occasione dell’ultimo giorno dell’anno è legata all’antica tradizione della Nunna Vecchia, una figura popolare in molte parti della Sicilia. Chiamata anche strina rappresenta una versione locale della Befana. Come quest’ultima anche la Nunna viene raffigurata fisicamente come una vecchina sdentata e poco affascinante ma dall'indole molto gentile soprattutto verso i più piccoli, a cui porta in dono dolci e giocattoli. Ma è generosa anche verso gli adulti a cui promette un nuovo anno ricco di felicità e gioia.

Ha un carattere riservato e non ama farsi vedere. Per questa ragione in alcuni paesi si presenta suonando una tromba, avvisando i bambini di andare a letto a dormire in modo da lasciare i regali senza essere scoperta. Chi obbedirà sarà premiato. Chi invece proverà a sbirciare le sue mosse rimarrà a mani vuote.

A Isnello invece sono gli stessi ragazzi che la sera del 31 dicembre annunciano il suo arrivo. Quando il Sole tramonta i giovani scendono nelle strade suonando dei campanacci e bussando alle porte delle case, ricevendo in cambio i dolci a forma di corna e ripieni di frutta secca tipici di questo giorno di festa.

Ingredienti delle corna di Isnello

Ingredienti per la pasta

  • 1 kg di farina
  • 400 grammi di zucchero semolato
  • 200 millilitri di olio di oliva
  • 3 uova
  • 10 grammi di ammoniaca per dolci
  • 1 bustina di lievito
  • Aroma di vaniglia
  • Un bicchiere di latte tiepido

Ingredienti per il ripieno

  • 200 grammi di mandorle sgusciate
  • 200 grammi di fichi secchi
  • 200 grammi di marmellata di arance
  • 50 grammi di uva passa
  • Un mandarino biologico

Ingredienti per la glassa

  • 250 grammi di zucchero a velo
  • Un albume d’uovo
  • 30 millilitri di succo di limone

Preparazione

Sciogliete l’ammoniaca nel latte.

Formate la fontana con la farina, versate al centro le uova, lo zucchero, l’olio, il lievito, il latte con l’ammoniaca e 2/3 gocce di aroma di vaniglia.

Impastate fino ad ottenere una massa omogenea.

Lasciate riposare per un paio d’ore.

Tritate i fichi e le mandorle.

Lavate la buccia del mandarino e grattugiatela.

Preparate il ripieno mescolando in una scodella i fichi, le mandorle, la buccia del mandarino, la marmellata e l’uva passa.

Stendete la sfoglia e tagliatela formando delle strisce lunghe 10 centimetri e larghe 4.

Versate al centro di una striscia il ripieno, copritelo con un’altra striscia e chiudete i bordi.

Piegate le paste formando una mezzaluna.

Fate cuocere in forno a 180° fino alla doratura dell’impasto.

Preparate la glassa mescolando lo zucchero a velo, l’albume e il succo di limone in modo da ottenere un composto omogeneo.

Sfornate le corna, lasciatele raffreddare e spalmatele con la glassa.

Come ulteriore decorazione potete cospargerle con codette di zucchero colorato.

Richiedi informazioni su "Corna di Isnello dolce di Capodanno siciliano"
Invia
Dolci siciliani dell'Epifania
Un tipico menù siciliano di Capodanno